• 18 Luglio 2024 23:22

Astrazeneca: vietato agli under60

Diadmin

Giu 12, 2021

Astrazeneca: vietato agli under60

Dopo mille polemiche e il caso di Camilla Canepa, la 18enne morta a Genova dopo aver ricevuto il vaccino Astrazeneca, il Cts è arrivato a una decisione. Il vaccino anglo-svedese Astrazeneca potrà essere inoculato solo agli over60.

E’ notizia di ieri la decisione del Cts (Comitato Tecnico Scientifico) di sospendere Astrazeneca per gli under60, indicandolo come un vaccino adatto solo a coloro che hanno più di 60 anni.

I messaggi veicolati finora dalla comunità scientifica e dal governo centrale non sono stati sempre chiari e unanimi.

La morte di Camilla Canepa, ha aggravato ulteriormente la situazione, creando un vero e proprio shock in tutto il paese.

Chi era restio a vaccinarsi con Astrazeneca, oggi probabilmente lo è ancora di più.
Il rischio è quello di spaventare la popolazione incutendo panico e terrore.

Chi ha ricevuto la prima dose con Astrazeneca, dovrà necessariamente ricevere la seconda o con il vaccino Pfizer-BioNTech o con Moderna. E’ questa la decisione presa dal Cts e che sarà trasmessa al ministro della Salute Roberto Speranza.

Dopo 3 giorni di dibattiti e contese, il Comitato Tecnico Scientifico ha deciso di stravolgere i piani, ridisegnando il piano vaccinale. Era stato nei giorni scorsi lo stesso Speranza a chiedere una nuova opinione sull’opportunità di continuare a somministrare Astrazeneca ai giovani.

Gli scienziati, dopo aver controllato diversi studi, tra cui anche quelli tedeschi, sono arrivati a questa conclusione. La seconda dose dunque, per gli under 60, prevederà la somministrazione di uno dei due vaccini, Moderna o Pfizer.

Locatelli, coordinatore del Cts durante la conferenza stampa con Silvio Brusaferro, portavoce dell’Iss e Roberto Speranza, ministro della Salute, ha affermato: “vi sono i presupposti per ipotizzare che combinare due tipologie di vaccini non porti alcuno svantaggio, ma anzi qualche vantaggio”.

Il tempo relativo al richiamo, nonostante il cambio di vaccino, resterebbe sostanzialmente uguale a quello previsto tra le due dosi del vaccino anglo-svedese. Più precisamente si tratterebbe di 8-12 settimane.

Lopalco, durante la conferenza stampa, in compagnia del commissario straordinario per l’emergenza Covid19, ha asserito: “Siamo pronti ad attuare immediatamente le disposizioni del Commissario Figliuolo su Astrazeneca.

Sono circa 37mila le seconde dosi di Astrazeneca programmate per le prossime settimane ai cittadini under 60: a loro verrà somministrato Pfizer o Moderna secondo le indicazioni nazionali.

Parliamo di un quantitativo assolutamente compatibile con le nostre scorte, questa indicazione del Cts non impatterà dunque sulla nostra campagna vaccinale, gli appuntamenti non subiranno slittamenti”.

I vari tentennamenti, i messaggi poco unitari e la morte della 18enne di Genova, potrebbero rendere quella che finora è stata una campagna vaccinale eccelsa meno efficace. Sarà così?

Fabiano Daniele
Scheduled da Bari news Puglia Salute
Map

Di admin